Bandi e Finanziamenti

Equity Puglia: Strumento Finanziario per Startup e PMI Innovative

12 Marzo 2024 SprintX

Bando Equity Regione Puglia: cos’è e come funziona

Al via Equity Puglia, l’iniziativa rivoluzionaria che segna un punto di svolta per il tessuto imprenditoriale innovativo della regione Puglia. Con l’obiettivo di infondere nuova linfa nelle startup e nelle piccole e medie imprese (PMI) della regione, questo strumento finanziario emerge come una risorsa preziosa per accedere a capitali fondamentali per lo sviluppo dell’impresa. Progettato dalla Regione Puglia e gestito da Puglia Sviluppo, Equity Puglia si propone di rafforzare la struttura finanziaria delle aziende, apportando stabilità e promuovendo crescita sostenibile. In questo articolo, scopriremo le caratteristiche principali del bando, le opportunità offerte e come le imprese pugliesi possono trarne vantaggio.

gruppo di startupper invia insieme da un computer la domanda per il bando equity puglia


Cos’è Equity Puglia?

Equity Puglia rappresenta una pietra miliare per l’ecosistema imprenditoriale della regione, introdotto per potenziare le startup e le piccole e medie imprese (PMI) innovative che ambiscono a consolidarsi e crescere sul territorio pugliese.

Questo strumento finanziario, voluto dalla Regione Puglia e amministrato da Puglia Sviluppo, si rivolge ai gestori del risparmio che operano fondi di venture capital, in particolare i Fondi di Investimento Alternativo (FIA) italiani ed europei. Il cuore pulsante di Equity Puglia è l’investimento in fondi di co-investimento, con l’intento di incrementare la capitalizzazione delle “società target“, migliorando così la loro solidità patrimoniale e facilitando l’accesso al credito.

L’assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Alessandro Delli Noci, ha sottolineato l’importanza di questo avviso come catalizzatore per aumentare la competitività pugliese attraverso il sostegno a imprese innovative nei settori chiave. L’iniziativa mira ad attrarre investitori professionali qualificati nella regione e a fornire alle imprese locali opportunità significative di espansione e sviluppo. Con questo movimento strategico, la Puglia si propone di diventare un hub centrale dell’innovazione nel panorama italiano.

La Regione Puglia, con il supporto della nuova strategia SmartPuglia 2030, sta infatti costruendo un vero e proprio ecosistema dell’innovazione che integra il lavoro di università e centri di ricerca con il tessuto imprenditoriale, dando vita a un ambiente fertile per la nascita e la crescita di startup tecnologiche e PMI innovative. Con 747 realtà già attive, la Puglia si colloca tra le regioni più dinamiche del Mezzogiorno e punta a rafforzare ulteriormente questa posizione grazie a Equity Puglia.

Sei alla ricerca di supporto per la tua startup o PMI e vuoi sfruttare le opportunità offerte da Equity Puglia? Non perdere tempo. Scopri come possiamo aiutarti a navigare nel processo di candidatura e massimizzare le tue possibilità di successo.

Contattaci ora compilando il nostro form di contatto per una consulenza personalizzata.

Dotazione finanziaria

Equity Puglia ha una dotazione finanziaria iniziale di 60 milioni di euro, un’allocazione di risorse pubbliche che si prefigge l’obiettivo ambizioso di iniettare nuovo capitale nelle startup e nelle piccole e medie imprese innovative, generando un impatto stimato di almeno 120 milioni di euro sul tessuto economico regionale.

Questo significativo impegno finanziario è parte integrante della programmazione 2021-2027 e riflette la volontà della Regione Puglia di sostenere attivamente l’innovazione e la crescita imprenditoriale.

Inoltre, l’assessore allo Sviluppo economico ha evidenziato la possibilità di un ulteriore incremento della dotazione finanziaria, ampliando così la portata degli investimenti in fondi di co-investimento.

Con un commitment da parte di Puglia Sviluppo che potrà oscillare tra i 10 e i 20 milioni di euro per ciascun fondo selezionato, comprensivo delle commissioni di gestione, si apre uno scenario promettente per le imprese che guardano al futuro con progetti innovativi e strategici.

Come funziona Equity Puglia?

Equity Puglia rappresenta un meccanismo di finanziamento che punta a rafforzare la competitività delle imprese pugliesi attraverso l’istituzione di fondi di co-investimento. Questi fondi sono strumenti finanziari che partecipano, insieme ai gestori di venture capital, in operazioni di investimento mirate a sostenere lo sviluppo di piccole e medie imprese innovative localizzate sul territorio pugliese.

Il funzionamento di Equity Puglia si basa sulla selezione di proposte da parte di gestori di Fondi di Investimento Alternativo (FIA) italiani o europei, che devono essere in linea con i quattro ambiti strategici definiti dalla Strategia S3: sostenibilità ambientale ed economia circolare, tecnologie dell’informazione, scienze della vita e tecnologie per la salute, crescita blu ed economia del mare.

Gli investimenti si concretizzano attraverso l’acquisto di quote di capitale di rischio (equity) nelle imprese, con l’obiettivo di fornire loro risorse finanziarie fresche per supportarne i programmi di crescita. I gestori dei FIA hanno la possibilità di presentare le loro candidature per costituire fondi di co-investimento con un commitment da parte di Puglia Sviluppo che può variare tra i 10 e i 20 milioni di euro per fondo. È importante sottolineare che il contributo regionale è limitato al 50% per ciascuna operazione d’investimento.

Gli investimenti nei fondi selezionati avverranno pari passu, ovvero su un piano paritario e alle stesse condizioni tra il Fondo pubblico e quello principale del gestore specializzato. Ciò assicura equità e trasparenza nelle operazioni finanziarie, favorendo una crescita sostenibile delle “società target” interessate dal programma.

Chi può partecipare?

Equity Puglia si rivolge a specifici attori del settore finanziario, in particolare ai gestori di Fondi di Investimento Alternativo (FIA) sia italiani che europei. Questi gestori hanno l’opportunità di partecipare all’avviso pubblico, che è stato lanciato online, per proporre la costituzione di Fondi di co-investimento. Questi fondi collaboreranno con i fondi di venture capital per supportare progetti di piccole e medie imprese innovative che intendono svilupparsi nel territorio pugliese.

Per essere ammessi alla procedura, i gestori devono soddisfare alcuni requisiti essenziali:

  1. Devono essere autorizzati alla gestione collettiva del risparmio secondo la normativa italiana (TUF) o quella europea (Direttiva 2011/61/UE), ed essere registrati negli appositi albi.
  2. È richiesta un’esperienza pregressa nella gestione di fondi per il venture capital, con investimenti realizzati per un valore minimo di 20 milioni di euro negli ultimi tre anni.
  3. Non devono sussistere motivi che ne impediscano la partecipazione a procedure di affidamento pubblico, come quelli previsti dall’articolo 80 del Decreto legislativo n. 50/2016 e successive modifiche ed integrazioni.
  4. È necessaria una comprovata esperienza del team di investimento dedicato all’attività del Fondo di Co-Investimento, attestata da investimenti per almeno 20 milioni di euro negli ultimi tre anni.

Inoltre, le Società Target in cui i Fondi di Co-Investimento possono decidere di investire devono possedere determinate caratteristiche:

  • Essere società di capitali già costituite e iscritte al registro delle imprese.
  • Sviluppare il proprio business in Puglia, attraverso l’apertura di una sede operativa locale.
  • Operare in settori coerenti con la Strategia S3.
  • Non essere quotate in mercati regolamentati.
  • Trovarsi in una delle fasi vitali dell’impresa startup: seed financing (fase sperimentale), start-up financing (fase di costituzione) o expansion financing (fase di sviluppo prodotto/servizio).

In questo modo, Equity Puglia si configura come uno strumento selettivo ma anche fortemente orientato al sostegno concreto e qualificato delle realtà imprenditoriali pugliesi con alto potenziale innovativo.

Selezionati i primi quattro gestori di Fondi di Investimento Alternativo

Equity Puglia ha raggiunto un importante traguardo con la selezione dei primi quattro gestori di Fondi di Investimento Alternativo (FIA), scelti per la loro specializzazione e capacità di valorizzare il tessuto imprenditoriale innovativo pugliese. I gestori selezionati sono Vertis Sgr, Avm Gestioni, Eureka Venture Sgr e Indaco Venture Partners Sgr, tutti riconosciuti per la loro esperienza e percorso nell’investimento in aziende ad alto potenziale.

Vertis Sgr, con sede a Napoli e attiva dal 2008, si distingue per la sua partecipazione in progetti di ricerca, spin-off, startup e PMI, puntando soprattutto sull’innovazione del Made in Italy.

Avm Gestioni, con base a Milano, orienta i suoi investimenti verso aziende italiane che promuovono la creazione di valore e sostenibilità, focalizzandosi su settori come il Made in Italy, la finanza, la robotica e le scienze della vita.

Eureka! Venture Sgr è un’altra realtà milanese che si dedica ad investimenti tecnologici di grande impatto, sostenendo progetti che emergono dalla ricerca scientifica e sviluppando tecnologie digitali.

Infine, Indaco Venture Partners Sgr è specializzata nell’investire in imprese innovative nei campi dell’elettronica, della robotica, dei nuovi materiali, del medtech, del biotech-pharma e del digitale.

La collaborazione tra Puglia Sviluppo e questi quattro gestori darà vita a una campagna informativa estesa su tutto il territorio pugliese. L’obiettivo è quello di diffondere la conoscenza di Equity Puglia come strumento finanziario efficace e rendere massima la sua capacità di stimolare lo sviluppo economico regionale attraverso l’innovazione e la solidità patrimoniale delle PMI.

equity puglia 2

Cosa finanzia Equity Puglia?

Equity Puglia finanzia una vasta gamma di settori strategici che sono cruciali per la crescita economica e tecnologica della regione. Il focus è rivolto a industrie chiave come l’aerospazio, l’agroindustria, la green e blue economy, le biotecnologie, l’IT e l’intelligenza artificiale, oltre a settori emergenti come la transizione energetica, la trasformazione digitale, la meccatronica e la robotica. Inoltre, Equity Puglia investe in ambiti vitali come l’healthcare e l’innovazione nelle infrastrutture e nell’industria manifatturiera.

Questo strumento finanziario non si limita a fornire un semplice supporto economico alle aziende, ma offre un contributo strategico di lungo termine. I nuovi investitori, infatti, non si impegnano solo a iniettare capitali nelle imprese selezionate ma anche a condividere la loro preziosa esperienza e conoscenza del settore. Questo apporto di competenze è fondamentale per le imprese che ambiscono non solo a consolidare la propria posizione sul mercato ma anche ad espandersi e innovarsi continuamente.

In sintesi, Equity Puglia è un catalizzatore di crescita che va oltre il finanziamento: rappresenta un vero e proprio ecosistema di supporto per le imprese pugliesi che mirano ad essere competitive e pionieristiche nei loro rispettivi campi.

Interventi ammissibili

Equity Puglia prevede che i Fondi di Co-Investimento, insieme ai Fondi Principali, possano effettuare investimenti nelle Società Target che rispettino determinati criteri. Ecco un elenco degli investimenti ammissibili:

  • Investimenti in capitale di rischio (equity) di nuova emissione, che costituiscano almeno il 50% dell’investimento complessivo nella Società Target, attraverso l’apporto di nuove risorse finanziarie liquide;
  • Acquisizione di azioni o quote esistenti, per una percentuale inferiore al 50% dell’investimento totale nella Società Target, da un investitore o azionista precedente;
  • Sottoscrizione di strumenti di quasi-equity, a patto che tali strumenti siano destinati a convertirsi in equity nel futuro;
  • Realizzazione degli investimenti entro il termine del 31 dicembre 2029;
  • Limitazione dell’investimento a un massimo di 5.000.000 Euro per ciascun intervento del Fondo di Co-Investimento in ogni singola Società Target;
  • Possibilità per il Fondo Principale di procedere con operazioni di follow-on nel caso in cui i fondi del Fondo di Co-Investimento siano esauriti, coprendo anche la quota spettante al Fondo di Co-Investimento.

Parallelamente agli investimenti diretti, il bando Equity Puglia mira a incentivare progetti che si allineino con quattro driver trasversali fondamentali:

  1. La promozione della sostenibilità ambientale e l’avanzamento dell’economia circolare;
  2. Lo sviluppo e l’implementazione delle tecnologie dell’informazione per l’industria e la società;
  3. Il progresso nelle scienze della vita e nelle tecnologie dedicate alla salute;
  4. La crescita blu e lo sviluppo dell’economia del mare.

Questi ambiti rappresentano le sfide e le opportunità che Equity Puglia intende affrontare per stimolare l’innovazione e la competitività nel tessuto imprenditoriale regionale.

Equity Puglia è combinabile ad altri bandi startup?

Equity Puglia è uno strumento finanziario estremamente versatile e complementare rispetto ad altre misure e strategie di sviluppo regionale. Grazia D’Alonzo, presidente di Puglia Sviluppo, ha sottolineato che questo strumento è pensato per integrarsi con le iniziative ed i bandi per startup in Puglia già in atto, puntando non solo sull’innovazione ma anche sull’attrarre investitori nel territorio pugliese.

Questo significa che Equity Puglia non solo può essere combinato con altri bandi dedicati alle startup, ma rappresenta un valore aggiunto significativo nell’ecosistema delle imprese tecnologiche e delle piccole e medie imprese innovative. Il suo obiettivo è quello di rafforzare la spinta innovativa della Puglia, sfruttando un sistema regionale della ricerca attento e reattivo alle esigenze di sviluppo di queste realtà imprenditoriali.

In sintesi, Equity Puglia non si sostituisce ma si affianca alle altre iniziative, potenziando le opportunità di crescita per le startup e le PMI innovative della regione, rendendole così più competitive e radicate nel tessuto economico locale.

Desideri approfondire come Equity Puglia possa integrarsi con altri incentivi e bandi a supporto della tua impresa innovativa? La chiave del successo potrebbe essere nella giusta combinazione di risorse finanziarie e strategie di crescita.

Scopri di più sulle tue possibilità e su come possiamo assisterti, visitando il nostro form di contatto e compilando il form.

Link utili e documenti

Per chi è interessato a saperne di più su Equity Puglia e desidera accedere ai documenti necessari per la partecipazione, ecco un elenco puntato di risorse utili:

  • Pagina dei Bandi di Gara e Concorsi: visitate questo link per trovare tutti i formulari e i documenti ufficiali relativi ai bandi attivi, compreso quello di Equity Puglia.
  • Bando Equity Puglia: per consultare direttamente il bando specifico e i dettagli su come presentare la propria candidatura, cliccate qui.

Queste risorse sono essenziali per chi vuole approfondire i dettagli del bando e avviare il processo di candidatura. Si consiglia di leggere attentamente ogni documento per assicurarsi di soddisfare tutti i requisiti e di seguire le procedure corrette.

Articoli correlati:

Articoli correlati